Skip to Content

Asazuke di cetrioli

Gli asazuke 浅漬け, ossia quegli ortaggi marinati così apprezzati nella cucina giapponese e che fanno parte del grande famiglia degli tsukemono, sono già comparsi su Biancorosso Giappone. QUI ritroverete l’articolo che ad essi dedicai, corredato da ben due ricette.

Con l’innalzarsi delle temperature aumenta anche il desiderio di cibi dissetanti e rinfrescanti. E per me una tappa immancabile durante la stagione più calda è la riscoperta, ogni volta, dei piatti freddi che la ricchissima cucina giapponese riserva alle tavole estive.

Tra questi ci sono le infinite possibilità date dagli tsukemono che a loro volta si declinano in miriadi di tipologie e metodi di marinatura.

Ho voluto per questo articolo proporvi un asazuke, ossia una preparazione di verdure marinate con metodo rapido e semplice, che abbia come protagonista il cetriolo.

Questo asazuke possiede, a mio avviso, tutto il sapore autentico dell’estate giapponese che i palati esperti riconosceranno e quelli meno esperti apprezzeranno particolarmente.

La ricetta, come vedrete, è di una facilità disarmante e non richiede ingredienti costosi o di complicata reperibilità. Perfettamente in linea con la filosofia di questo blog e, permettetemelo, anche con il grande insegnamento che dovremmo trarre da quello che stiamo vivendo: un ritorno consapevole e gioioso ad una semplicità che si era persa nelle pieghe di una corsa folle verso chissà cosa.

Ingredienti per l'asazuke di cetrioli

Per questa ricetta usate i cetrioli che riuscite a trovare. Teoricamente bisognerebbe usare quelli giapponesi che sono lunghi, stretti e con pochi semi. Tuttavia, possiamo tranquillamente usare le varietà a nostra disposizione.
Io, ad esempio, ho utilizzato un cetriolo nostrano e panciuto.

Ma non importa. Tutto – ma proprio tutto – il sapore dell’estate giapponese era lì che mi attendeva.

Asazuke di cetrioli
きゅうりの浅漬け

Ingredienti:

1 cetriolo
2 cucchiaini di salsa di soia
2 cucchiaini di aceto*
2 cucchiaini di zucchero
1 cucchiaino di olio di sesamo**
Peperoncino in polvere q.b.

*Io ho usato il tradizionale aceto di riso che è molto delicato ma potete utilizzare ciò che avete.
**Se non avete l’olio di sesamo potete sostituirlo con un olio delicato come quello di girasole. Se possibile, però, in questo caso compensate aggiungendo un po’ di semi di sesamo tritati.

Preparazione dell'asazuke di cetrioli
  1. Tagliate le estremità del cetriolo e con un pelapatate o un coltello sbucciate parzialmente la buccia creando un effetto a strisce. Questa è una comune tecnica di abbellimento dei cetrioli nella cucina giapponese casalinga.
  2. Affettate ora il cetriolo in diagonale cercando di non superare il mezzo centimetro di spessore.
  3. Riporre il cetriolo affettato in un sacchetto per alimenti e versarvi tutti gli ingredienti rimasti: lo zucchero, l’aceto, la salsa di soia, l’olio di sesamo e il peperoncino. Chiudere bene il sacchetto e con le mani mescolare bene il tutto.
  4. Riporre l’asazuke in frigorifero per almeno un’oretta. Servire.

Ispirazioni tra le fibre

Tra le fibre, l’ispirazione di una storia. Di una bozza, di uno schizzo. Creatività che ne genera dell’altra.

Una storia tra le fibre
Una storia tra le fibre

Solo la quiete di quell’angolo solitario riusciva a riportare l’ordine in quella matassa ingarbugliata di situazioni e pensieri.

Solo la calma smeraldina di quel boschetto sapeva ridimensionare le sue paure raffreddando quelle ansie roventi che ogni tanto le si paravano davanti con impudenza.

Solo nel cremisi senza compromessi dei petali di una camelia ritrovava la linearità di una coerenza ormai vacillante.

Quello era il suo rifugio e Ikuko non ci avrebbe rinunciato. Mai.

Il mondo, come lo aveva conosciuto fino a poche ore prima, non era più.

Volti amici che, come maschere costrette a cadere, avevano rivelato putrescenti ghigni. Luccicanti promesse sgretolatesi sotto il peso di una verità. Progetti così vicini da sembrare ad un passo di distanza…svaniti poi senza pietà come il miraggio d’acqua fresca davanti agli occhi bramosi di un assetato.

La consapevolezza amara e ispida del tempo elargito a chi forse non lo meritava.

Col suo microcosmo di sensazioni e percezioni in cocci, nella spontanea bellezza della natura la sua dimensione equilibrante.

Ikuko sarebbe ripartita da lì. Dalle linee armoniose di quelle camelie, dal dondolìo delle foglie cullate dalle aritmiche sinfonie del vento, dalla fragranza selvatica del fiumiciattolo impegnato nel suo moto eterno.

Avrebbe ricomposto quei cocci. Si sarebbe rialzata scuotendosi delicatamente la polvere dal kimono e – asciugandosi le lacrime col dorso della mano irruvidita – avrebbe coraggiosamente ripreso il suo cammino.

Con gli occhi ancora appesantiti dal fluire di lacrime scottanti, avrebbe abbozzato un lieve sorriso nel vedere due bimbi tenersi dolcemente per mano impegnati a canticchiare una di quelle filastrocche dorate di mondi fatati e di incantesimi spezzati.

Le stoffe di Lucia

Come Ikuko, anch’io ho bisogno di nutrirmi di bellezza. Si fa per non affondare nella lordura dei dispiaceri, di certe avversità che sembrano scagliarsi con particolare veemenza e di tutto quel magma quotidiano di preoccupazioni.

Tramite la viva e frizzante comunità delle Socialgnock su Facebook sono venuta a conoscenza di una piccola realtà imprenditoriale italiana: MOWEE Handmade di Lucia Testa.

Un progetto sartoriale caratterizzato da tessuti straordinari che – com’è successo con la pochette di Ikuko – hanno saputo addirittura far germogliare dentro di me un’ispirazione.
Tessuti robusti, dai decori inaspettati e soprattutto unici. Questo è il punto di forza di MOWEE: l’unicità e dunque l’irripetibilità delle creazioni che nascono dalle mani sapienti di Lucia.

Scrunchie gang

Scrunchie dalle tonalità giapponesi

Nel mondo anglofono si parla di passeggiata lungo il viale dei ricordi per far riferimento alla dolce e nostalgica rievocazione di cose passate. Ed è stata in effetti proprio una piacevole camminata lungo la strada delle reminiscenze quella che si è profilata davanti a me rivedendo il termine scrunchie.
Gli scrunchie sono dei fermacoda soffici in tessuto, molto in voga negli anni Novanta quando ero una ragazzina e seguivo assiduamente le vicende di Beverly Hills 90210.
La California era un mondo quasi rarefatto che esisteva solo dietro lo schermo del televisore della cameretta che condividevo con le mie sorelle.

Qualche anno dopo proprio la California sarebbe diventata casa mia.

Lucia li ripropone realizzandoli però con la magia dei suoi tessuti ispiratori.

La creatività vivace e limpida di Lucia è un microcosmo di delicatezza e bravura. E’ come la camelia di Ikuko.

Esattamente così.

Tofu fritto

Ogni tanto mi piace pubblicare alcune rapidissime ricette – e che io chiamo “ricette estemporanee” – su Instagram.
Si tratta di preparazioni sempre giapponesi ma caratterizzate dalla brevità della lista degli ingredienti e dalla velocità di esecuzione.

Insomma, nippo-facilitazioni gastronomiche.

E avendo appena scoperto la funzione “incorpora” del blog ho capito che sarebbe stato molto semplice riportare queste mini ricette direttamente qui.

Questa volta tocca al tofu fritto o 豆腐フライ.

Provate la ricetta. E’ adatta veramente a tutti soprattutto forse a chi con questo alimento proprio sembra non andare d’accordo.

https://www.instagram.com/p/CBUYY6WIZU9/?utm_source=ig_web_copy_link

Ciao! Anche Biancorosso Giappone usa i cookie! Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni?

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi